Lul¨ a passeggio

Non Ŕ importante sapere chi Ŕ il personaggio di un ritratto, Ŕ importante il risultato dell’opera Ŕ ci˛ che l’opera comunica, se poi si conosce il nome del personaggio tanto meglio ma non Ŕ fondamentale, vi sono ritratti di Re o grandi uomini ma questo non cambia il valore dell’opera che invece Ŕ determinata dall’abilitÓ dell’artista, dalla sua fattura, dalla particolaritÓ tecnica e stilistica.

Una natura morta, un paesaggio, un ritratto di uomo o di donna, sono legati al soggetto originario solo in virt¨ di una ispirazione,o da un committente, l’opera vive di sua vita autonoma, e anche quando rappresenta qualcosa o qualcuno rappresenta soprattutto se stessa, il grado artistico, la bellezza dei colori, l’abilitÓ della fattura ecc.

Tutta la storia dell’arte Ŕ rappresentata, da ricchi, poveri, belli, brutti, arte figurativa o astratta, ma il filo conduttore dell’opera Ŕ sorprenderci del suo fascino palese o nascosto che sia, dal suo svelarsi attraverso la forma o dal suo cromatismo, dalla sua concettualitÓ.

Il soggetto assume valore in quanto oggetto storico rappresentato e da esso si rintraccia un certo costume o una contingenza, uno stato d’animo o sociale, una condizione storica, ma il valore artistico la bellezza Ŕ nascosta, chi la vuole trovare deve addentrarsi nel magma del colore della forma o nella pazzia di chi lo ha concepito.

Ernesto Di Battista

contini 002.jpg (115064 byte)

      Lul¨  olio su tela cm. 116 x 175    Fossacesia  2004